04 Giugno 2018

Il Re è nudo, ovvero: l’era del giornalista telecomandato. Immagine epocale: Rocco Casalino che invia un WhatsApp a Enrico Mentana per fare lo scoop (e se la ride)

Esistono immagini che ci restituiscono lo spirito del tempo. Questo è il tempo della crisi delle istituzioni, dell’agonia del giornalismo e del trionfo della comunicazione.

La prima immagine ci arriva da quelli che saranno considerati gli archivi della più grave crisi dell’Italia Repubblicana; la potete reperire con facilità su internet. Mostra Rocco Casalino – l’abilissimo capo della comunicazione del M5S e attualmente secondo uomo più influente d’Italia dopo Matteo Salvini – che posta un messaggio su WhatsApp ad Enrico Mentana, direttore del Tg de La7 impegnato in una delle sue estenuati maratone. Casalino, immerso in una avvolgente poltrona in un sontuoso ufficio, comunica a Mentana che è stato trovato l’accordo per lo “storico” governo tra M5S e Lega, Casalino se la ride, arriva a rimbrottare Mentana che non è immediato nel rilanciare la notizia. Infine, tra le risate di Casalino e assistenti, Mentana toglie la parola ad Alessandra Sardoni annunciando trionfante che l’accordo è fatto. Cita data e ora, conscio del momento storico. Rocco e gli altri continuano a ridere.

È un gioco di specchi. Casalino è filmato con un collaboratore con uno smartphone mentre guarda il suo telefonino e lo schermo che rimanda l’immagine di Mentana. Situazione onirica, schermi che rimandano ad altri schermi. L’unica cosa reale sembra una pianta da ufficio, ma probabilmente anche questa è di plastica e contiene telecamere e microspie.

Siamo oltre il già visto, non bastavano le dirette dai comizi, l’amplificazione acritica delle videodichiarazioni rilasciate su face book. Qui siamo al giornalista telecomandato. Casalino con il suo remote control decide i tempi delle dichiarazioni storiche. Formidabile.

Si potrebbe poi discutere di Mentana che rilancia l’annuncio senza alcuna verifica, cioè venendo meno a una regola fondamentale del giornalismo. Ma questo è un particolare che può far colpo su vecchi nostalgici, che hanno imparato a loro spese che anche quello che dicono le fonti “più certe” va verificato. Nel caso specifico per la verifica – telefonare al team di Salvini per avere la conferma, magari anche a Cottarelli e al Quirinale – avrebbe richiesto tempi troppo lunghi: 5 minuti. No, qui si deve fare la “storia”, la diretta imperterrita vive di “scoop”, “retroscena”, “fonti certe”… Il 98% di ciò che viene detto è senza fondamento, piccole onde, evanescente schiuma. Ciò che fa girare il mondo è in profondità, nelle grandi correnti. Ma quelle sono acque profonde, pericolose, meglio surfare su infatili increspature.

Grazie comunque a Casalino, già celebre come “Rocco del Grande Fratello”, forgiato dall’università più selettiva della nostra epoca della comunicazione; postando questo video ci mostra la realtà del virtuale. Il Re è nudo.

La seconda immagine ci arriva da una diretta Rai. Una giornalista annuncia trafelata: scusa, scusa, mi è arrivato un messaggio, con enfasi enorme. Legge il messaggio poi riprende: no niente, scusa. Falso allarme. Niente notizia “storica”. Per chi non lo sapesse la giornalista in questione è una delle circa 70 persone che fanno parte dalla “chat” del Quirinale che fornisce comunicazioni, notizie, indiscrezioni e letture degli eventi politici, tutte rigorosamente “non ufficiali”, ai “quirinalisti”, cioè i giornalisti accreditati per seguire le vicende del Presidente della Repubblica. Niente di scandaloso, si tratta di uno strumento di servizio. Però quell’immagine della collega che guarda la chat speranzosa, e poi sconsolata ripiega su un “no, nulla”, ci dice tanto. Probabilmente il messaggio proveniva della chat della classe del figlio che gli ricordava di portare a scuola i soldi per la gita, o era la palestra che annunciava un nuovo corso di “pilates”, oppure il marito che annunciata l’avvenuta prenotazione del ristorante. Quindi la principale istituzione repubblicana ha una chat, del tutto uguale alle nostre formate con gli amici del Liceo, o a quella di una palestra del Gianicolo o di un gruppo salsa del Tiburtino. Non vale la pena neppure di indignarsi. La realtà ci dice già tutto. Grazie. Il re è nudo.

La terza immagine l’avete avuto sotto gli occhi durante le dirette della scorsa settimana. Un nutrito gruppo di giornalisti da ore nel salone del Quirinale adibito a sala stampa per estenuanti, inutili dirette sugli “imprevedibili” (per chi non può capire, per i pochi che usano testa e informazioni era tutto già chiaro da mesi) sviluppi della crisi. In un triste tempo passato ci fu chi, con stentorea voce, tenoreggiò: “Potevo fare di questa aula sorda e grigia un bivacco di manipoli”. Ecco l’aula, ecco i manipoli, ecco la comunicazione e la trasparenza che diventano pensiero unico, notizie omologate, ripetitive, stantie, retroscena ammuffiti. È il giornalismo dei “pool”, cioè la fine del giornalismo. Il giornalismo in “pool” lo si fa da anni per la cronaca giudiziaria, la nera, la politica. Tutti assieme, tutti intruppati, tutti a pensare le stesse cose, semplici amplificatori dell’unica “verità”. Vale per palazzi della politica, per procure e tribunali, per caserme e questure. Una “verità” che si trasforma in belato di pecore, in un commento inutile, l’ininfluente schiuma di piccole onde viene analizzata alla luce di antiche ideologie e dell’appartenenza politica. Siamo sempre lì, alla paura di scendere in profondità a guardare le correnti. E grazie al belato unico i giornali soccombono e tv e social amplificano distruggendo il senso critico e il pensiero autonomo. Grazie comunque. Il Re è nudo.

Luciano Campagnoli del Prato

 

Gruppo MAGOG