“Un abbraccio dal tuo Pasolini”. Le lettere di PPP a Cesare Padovani, un diverso
I vangeli apocrifi e l’ideologia anarchica. Si può disegnare “La buona novella”? De André in graphic novel
“Distribuendo in misura perfettamente uguale buio e luce, dolore e gioia”. Pasolini traduttore di Eschilo
“Io devo difendere questa enormità di disperata tenerezza”. Elogio di Enrique Irazoqui, il Gesù più bello della storia del cinema. Scelto da Pasolini, riuscì a battere Marcel Duchamp a scacchi
“Sono stato imprigionato la prima volta dai fascisti, la seconda volta dai repubblicani. Chi vuole può notare una certa continuità”. Un film sul caso Braibanti, l’artista ammirato da Carmelo Bene e da Pasolini
“L’angoscia della tua voce incrinata spezzata da un vento gelido di morte che mi pareva a effetto”. La poesia di Elio Pagliarani a Pier Paolo Pasolini
“Pasolini non era scandaloso, non promuoveva lo scandalo. Pasolini, ecco, si scandalizzava”
“La sua tomba semplicemente non esiste”. Piccolo discorso sul corpo martoriato, sfinito, scomparso del poeta
Il canone inverso di Tondelli. Quando “Vicky” spostò l’asse della letteratura italiana sulla riviera romagnola. I suoi eroi? Panzini e Arfelli, Zavattini e Guareschi, Pasolini e Scerbanenco
“A quel tempo, Pasolini era braccato da se stesso”. Gli incontri di Girolamo Melis, il Cioran dell’Eros, con Curzio Malaparte, Palmiro Togliatti, Celentano, Jannacci, Giorgio Morandi… Elogio di un maestro a un anno dalla morte
Politicamente corretto: era già tutto previsto (e studiato) in un libro edito da Feltrinelli nel 1966. “Alla guida della lingua non sarà più la letteratura ma la tecnica”, rileggiamo “Lingua in rivoluzione” di Franco Fochi
Carica altro