Luciano Bianciardi giornalista. Una rubrica di domande assurde
Le molteplici esistenze di Roberto Baggio, il Bodhisattva del calcio
Il pallonetto/ Il campionato di calcio più bello degli ultimi anni, ovvero: Conte contro l’abisso e la restaurazione dell’Ancien Régime
Il pallonetto/ Discorso sull’assenza del Re. Ovvero, senza Cristiano Ronaldo la Juventus gioca meglio. È davvero così? Ricordatevi il Francis Macomber di Hemingway
Il pallonetto/ Signore & signori, è il giorno di Antonio Conte. Audace, camaleontico, ambizioso fino all’infingardo. Duttile. Come l’acqua
Quando Eco scrisse che Gianni Brera era un Carlo Emilio Gadda pop, lui si infuriò (giustamente, era più bravo…). Ode al Pelé del giornalismo, un grande scrittore
Il pallonetto/ Il destino ti scava nella carne: Icardi e Wanda vanno a Parigi e Higuain risorge contro il Napoli (è lui, ora, “il nove”). Non è un caso, è destino
Il pallonetto. Bentornato campionato: Napoli è un incrocio tra Vico e Maradona, l’Atalanta fa venire la bava alla bocca e Dzeko è un Re, spettacolo aulico e lenitivo
Siniša Mihajlovič, l’uomo che milita nel miracolo, sembra il personaggio di un romanzo folle e scatenato di Nikolaj Leskov. C’è chi nasconde le proprie cicatrici e c’è chi si fa cicatrice sul volto cruento del tempo
40 anni fa muore Meazza, l’inventore del calcio italiano che pensava a sé come un eroe omerico. Qui pubblichiamo il “coccodrillo” di Gianni Brera (per alcuni, l’articolo più bello del giornalismo)
Ha vissuto nell’imperdonabile. 35 anni fa Diego Armando Maradona palleggia al San Paolo diventando il dio di una nuova religione. In un documentario, il ‘Pibe de Oro’ come icona dei dissipati anni Ottanta, gli intrecci tra sport e politica, il calcio come cannibalismo
Carica altro