Simone porta le ragazzine a casa e Jean-Paul le svergina. I triangoli erotici di Sartre+de Beauvoir: la fame di sesso produce buona filosofia

Posted on ottobre 20, 2018, 9:07 am
5 mins

Prima della fama e della gloria, prima dei libri importanti, e prima di diventare il re e la regina della filosofia, Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir erano due semplici, giovani docenti. Si amavano, titillavano e affinavano le loro intelligenze, e a letto sperimentavano. A nome e ossequio di un patto stipulato su una panchina, patto voluto da Simone che rifiuta di sposare Sartre, e patto a sigla di un amore indissolubile, ma che non esclude altri corpi, anche da condividere.

SartreSono gli anni ’30 e Simone insegna filosofia in licei femminili vestita all’ultima moda, cipria bianca e labbra scarlatte, e capelli corti, in stile zeldaniano. Simone incanta le sue allieve in quanto donna libera, emancipata, non sposata, che vive in albergo. Le sue alunne sono sedotte dalle sue parole di libertà mai astratte, avvalorate dal suo esempio di vita quotidiano: una donna libera è tale se disprezza e ripudia tutto quello che la società le impone, il giogo paterno e maritale, le prigioni della maternità e dei lavori domestici, la cura di una casa che non le serve, perché l’identità personale e pubblica di una donna si esprime col suo cervello e il suo lavoro, coi soldi che dalle sue sole forze ricava, e dagli amici che si fa per quello che è e vale, non per il cognome che un uomo le dà. Amici che si trovano nei locali ‘proibiti’ dell’epoca, dove Simone entra e si siede da sola, beve alcolici e si lascia trascinare in avventure da una notte. Sono gli anni ’30 e questa è Simone de Beauvoir, miglia avanti alle sue coetanee e anche a Sartre, che non ha conosciuto la fame come Simone da piccola durante la Prima Guerra Mondiale, né assaporerà mai l’ebrezza, il potere che dà spendere denaro guadagnato. Sartre è un fortunato, proviene da una famiglia facoltosa, e quando sarà ricco di suo, comprerà una casa con cui andrà a vivere con la mamma.

Simone non è immune al fascino femminile, ha scoperto il sesso prima con la sua migliore amica, poi con Sartre. Simone è in pace con la sua bisessualità mai celata a Sartre: una sessualità che Sartre abbraccia approfittandone. Corrispondono a verità le biografie pruriginose che li vogliono affamati di sesso a tre con le amanti ragazzine di Simone, che passano nel letto di Sartre per perdere la verginità. “Ammaliati e ammaliatori al tempo stesso, ci amavamo di un amore circolare” che con l’allieva Olga dura due anni, con Wanda un po’ di più. Olga e Wanda sono sorelle, due adolescenti tra cui una minorenne, che da tali triangolazioni amorose guadagnano cultura e più chiavi per aprirsi il mondo. Hai voglia a lamentarsi, 40 anni dopo, nelle loro autobiografie, che quella promiscuità di corpi ha causato frigidità e sofferenza! Olga è innamorata di Simone, ed è gelosa del suo rapporto con Sartre, si ‘concede’ a lui per ingelosirla. Sartre si infiamma per Olga, scottato sedurrà Wanda, la quale reclamerà il possesso esclusivo di Sartre a sua sorella e a Simone. SartreUn caos di sesso, umori e sentimenti, incastri dove più corpi entrano astutamente invitati, e quando verrà il turno di Natalie, la madre denuncerà Simone per condotta immorale facendole perdere il posto da insegnante. Un turbinio, la vita sessuale dei giovani Sartre e de Beauvoir, che ha pochi eguali in libertà e frenesia. Seduzioni che hanno del diabolico, esperienze che lasciano il segno in libri pietre miliari della letteratura: Olga sarà L’Invitata di Simone, a Olga Sartre dedicherà Il Muro. E sotto pseudonimi Olga, Wanda, Natalie, tante altre appariranno e scompariranno nelle opere successive di Simone, e nelle Lettere di Sartre pubblicate dopo la sua morte. Il sesso a tre si diraderà con la maturità di Sartre e Simone: ci saranno amori – tanti – paralleli, per tutta la loro vita, ma mai cadranno in un vortice simile a quello vissuto con Olga fino alla fine, fino a che lei si brucia una mano davanti ai loro occhi sbalorditi, a urlo del suo sfinimento: Olga è piegata dalla sua stessa libertà, da un legame soffocante, a porte chiuse, riflesso in tre specchi che non le rimandano più belle immagini. Olga che per le sue radici ebraiche deve scappare, salvarsi. Gli anni ’30 sono finiti: Hitler è alle porte.

Barbara Costa