In superficie. Un carro armato rosa per mostrare il potere delle donne e le donne di potere. Ecco a voi “Pink Tank”

Posted on Ottobre 10, 2019, 11:48 am
2 mins

Il titolo, «Pink Tank», è un gioco di parole: Think Tank – letteralmente: ‘serbatoio di pensiero’ – è un termine ideato negli Stati Uniti nel corso della Seconda guerra mondiale: il Dipartimento della Difesa mise infatti a punto delle unità speciali per studiare come stava andando la guerra.

‘Tank’, non a caso, è traducibile dall’inglese anche come ‘carro armato’.

E un carro armato – sfacciatamente rosa – è stampato in copertina nel libro firmato da Serena Marchi per Fandango: un libro-inchiesta sul Women Empowerment in Italia, paese che è agli ultimi posti in Europa in tema di rappresentanza politica delle donne.

*

Per ‘vestire’ come si conviene questo corposo volume fitto di interviste a donne ‘di potere’ – da Paola Binetti a Laura Boldrini, passando per Emma Binino, Mara Carfagna e Luciana Castellina, tanto per citarne alcune – l’immagine scelta è molto sfiziosa: il carro armato rigorosamente ‘pink’ ha per cannone il simbolo dell’identità di genere femminile più comune, vale a dire il cerchio con la croce orientata verso il basso. Che, per l’occasione, è invece posizionata in maniera obliqua, pronta a puntare qualche bersaglio.

L’iconografica codificata viene manipolata a dovere e il simbolo del femminile si sovrappone fino a mixarsi con quello maschile, cioè il cerchio con una freccia orientata a nord-est.

*

Il sottotitolo che fa da didascalia alla figura ha il piglio del manifesto: «Donne al potere. Potere alle donne».

Mentre il bianco della copertina valorizza i pochi elementi vincenti: il gioco grafico; il gioco di parole; Il sottotitolo-slogan.

Marte (il simbolo del ‘maschio’) e Venere (il simbolo della ‘femmina’) compongono così un emblema di ironica aggressività, che alla serietà dell’argomento trattato aggiunge un tratto smaccatamente pop.

Un altro esempio di copertina – l’ennesimo – con cui il marketing via social può andare a nozze: l’irriverenza di un meme, e il potenziale del femminile perfettamente stampabile su T-shirt.

Elena Paparelli