Ode a Fabrizio Corona il bullo rivestito di patetico, icona dell’Era della Frustrazione. Ma io sogno una tigre sul sofà in prima serata

Posted on giugno 18, 2018, 11:55 am
5 mins

Lui è seduto al centro. Lucido. Strafottente. Ben vestito. Il presentatore gli ronza intorno, lo tocca, gli parla, forse lo lecca. Lui è il totem. L’epifania dello share. La granata che perfora lo schermo. Intorno. Intellettuali smunti, giornalisti incalliti, politicanti in disarmo, commentatori in disuso, avvocati, insomma, uomini dello spettacolo. Carne da macello. Che lui, la belva, divora, urlando, squalifica con un gesto, d’altronde, quelli sono lì per quello. Sono cibo. Fabrizio Corona è il genio del nostro millennio. Figlio di buona famiglia, frequenta il ‘bel mondo’, recita la parte del ‘ribelle’ e catodicamente vince, perché questo è il tempo in cui sono la televisione e il rondò dei social ad assolvere o a punire, mica un tribunale. E Corona vince.

*

La sapienza di chi declama l’essere umano nella sua catartica debolezza – sesso, denaro, ambizione – è superiore al filologo di Kant, all’esteta che si bea di Heidegger e si beve Sartre. Fabrizio Corona, che lavora con il laido, in fondo, è come un prete.

*

La brutalità dell’urlo. Corona fa quello che fanno tutti: dall’automobilista convinto di avere la precedenza al Ministro Salvini. Non ascolta. Urla. Vince il più urlante. Sintomo dell’era della frustrazione e di un esibizionismo imbarazzante. Nell’epoca in cui il vizio era una malizia dell’intelletto e il banditismo una scelta poetica, si preferiva l’ascolto. Ascolto e attacco, come i cobra. Ora si urla. Come le scimmie. Tanto tutti, alla fine – da Salvini a Corona – non mordono, si piegano.

*

Donare aggettivi a Fabrizio Corona è inutile. Corona vince: 791mila ‘mi piace’ su facebook; 573mila seguaci su instagram. Dove va lui, questo Everest dell’ego in variopinta avaria, vanno tutti, sguazza nel Mar Morto dello show. Cosa ci vedono in Corona? L’icona dell’era della frustrazione. Lui – all’apparenza – è bello, muscoloso, figo, tiene per le palle i potenti, è circondato dalla figa, più lo arrestano più piace. Disorienta i canoni: la giustizia è ingiusta, il giusto è un abuso ingiustificato, l’etica è eretica.

*

La canina idiozia del pubblico italiano – non quella di Corona, il furbetto del quartiere accanto – è insopportabile: imbarcatemi sul primo Aquarius che passa, me ne vado in Africa con il Congo di Kurtz a lacerarmi i tendini.

*

Di cosa bisogna parlare? Di cosa stanno parlando?, mi dico. Delle sfortune del povero Fabrizio Corona, il duro lordato dal piagnisteo, il bullo con la lacrima televisiva facile, rivestito di patetico? Il vero delirio televisivo sarebbe questo. Corona che si slaccia i pantaloni, tira fuori l’affare e piscia sui piedi degli astanti. Qualcuno tira fuori l’ampolla per raccogliere il piscio di Corona, lo imbottiglia, lo vende caro, aureo elisir.

*

Non m’importa la morale, disprezzo il moralismo, l’eroismo è pura forma. Appunto. Fabrizio Corona è la miseria dei modesti, pappa per mediocri. Corona non ha i coglioni. Sta nel mezzo, nel gluglu della palude, come tutti gli sfigati: non ha capito che il potere è occulto, ha il bisogno erotico di mostrarsi, come tutti, la sua droga sono gli applausi o la controparte, gli insulti. Corona va ammantato da pietà, va ammansito come il baby che fa la bravata per ottenere l’assoluzione degli amici e il buffetto dei parenti, che pena. Piuttosto. Vorrei vedere, in prima serata, una tigre. Vera. Sul sofà. E qualcuno che tra le sue strisce determini il destino d’Europa – e anche il mio. Desidero l’eremita, con palpebre di corteccia, in prima serata. Ascolta la zuffa degli intellettuali, i commenti spinti dei santissimi vip, le traveggole dello showman (ma chi la guarda, ormai, la tivù?). Poi dice una parola. E tutti sono folgorati – ridono, magari – la televisione esplode, e intorno alle costole, muscose, fioriscono falchi. (d.b.)