“Restituire la gioia che viene fuori dal buio”: Lorenza Indovina interpreta Alda Merini

Posted on Novembre 28, 2019, 11:10 am
2 mins

Alcune parole di Lorenza Indovina vanno appuntate sullo stipite dell’appuntamento. “Occorre mettersi in gioco continuamente”, intanto. Lorenza Indovina parla di Alda Merini, di cui interpreta le poesie in un progetto, “Io e Lei”, che va in onda su Sky Arte da venerdì 29 novembre, ore 21.15, per un mese. La grande poesia non è un gioco, ti mette in gioco. Cioè, ti pone nel rischio. Ad esempio: c’è il rischio che una parola riveli la tua debolezza, ti riveli a te stesso, dilati le pupille con la forza di una irriflessa malinconia.

*

Le altre parole sono ancora più forti. Il confronto con la Merini porta l’attrice a “indagare il mio buio” e dunque “a restituire la gioia che viene fuori dal buio”. La poesia nasce nel buio, porta, per effetto di splendore, negli inferi del cuore. Ma si risorge in gioia: il buio va afferrato e affrontato. La poesia non è balsamo né antidoto: è una fiamma nel labirinto buio dei giorni.

*

Il progetto “Io e Lei” ha una ambizione alta: “Lasciare che le attrici si possano specchiare in un’artista, per cercare di conoscere l’umanità, la fragilità, anche oltre l’apparenza della vita pubblica e del successo”. Non si tratta, allora, di interpretare, ma di rispecchiarsi. Il gioco di specchi, si sa, propone la vertigine di una profondità infinita. Se si vince il teatro dello specchio, rompendolo, l’esito è ferirsi: le parole, in effetti, sono pezzi di vetro.

*

Nella prima puntata del ciclo, venerdì, ci sarà anche Matilde Gioli a interpretare Franca Rame. Il tu-per-tu continua, fino al 27 dicembre, coinvolgendo grandi attrice italiane (Greta Scarano, Gabriella Pession, Elena Radonicich, Valentina Lodovini) che si confrontano con personalità immense: Janis Joplin, Tamara de Lempicka, Marlene Dietrich, Maria Callas. Il punto di instabilità e di stupore a cui ci precipitano queste donne, pioniere dell’arte, personalità inarginabili: quello va toccato, fino al filo di sangue, di estasi.

*In copertina: Lorenza Indovina legge e interpreta Alda Merini