“Little White Moment”: la canzone ideale per chi si è rotto i coglioni di vivere in questo malsano clima sovietico di felicità imposta e propagandata dai telegiornali

Posted on Feb 02, 2018, 10:46 am
4 mins

Vi sentite anche voi smarriti? Avete consumato il vinile di Unknown Pleasure, dei Joy Division, fino alla nausea. La nuova Tori Amos è oramai una signora di mezz’età, in pace con sé stessa e con il suo successo, che fa il verso a ciò che fu. P.J. Harvey è stata grandiosa, ma ha già detto quanto aveva da dire. I Nirvana sono un ricordo di adolescenza e le Hole si sono disintegrate in una lenta e tragica consunzione. Se non sapete raccapezzarvi nella rosa (appassita) dei gruppi alternativi del momento, noi ci permettiamo di consigliarvi il nuovo singolo dei Nostalghia, Little White Moment. Band americana che si è fatta notare, negli ultimi anni, per svariati brani confluiti nell’album Chrysalis e, in particolare, con il singolo I Am Robot Hear Me Glitch. Da non perdere anche il successivo Sunshiny Milk, una sorta di confessione malata di un’amante che si sveglia nuda al fianco di lui e decide di ucciderlo – del resto, chi cerca di farci credere che l’amore sia una faccenda per persone equilibrate o non ha capito niente della vita, o è in malafede. Racconta bene, la cantante, nei suoi versi, di quelle inconciliabili pulsioni di tenerezza e volontà distruttiva: “I’m fucked in the head/ But you know I love you (La mia mente è completamente fottuta/ Ma lo sai che ti amo)”. Grazie al cielo, l’amore non sarà mai un sentimento politicamente corretto e i Nostalghia ce lo ricordano con tutta la morbosa dolcezza possibile.

A quanto si legge su Facebook e Twitter, il nuovo anno li vedrà lanciare un singolo al mese, fino ad arrivare ad accumulare il numero di canzoni consono per pubblicare un nuovo disco. Il primo brano di gennaio è, appunto, Little White Moment, la canzone ideale per chi si è rotto i coglioni di vivere in questo malsano clima sovietico di felicità imposta e propagandata dai telegiornali, in Italia come in America. Come Leopardi al cospetto della disgraziata congregazione liberale ubriaca di facili entusiasmi per le magnifiche sorti progressive, anche la voce tersa del gruppo pronuncia sommessa, ma inequivocabile, la propria ammissione di infelicità: “Sometimes I’m like a ghost/ Just passing through and through/ All day I’ve built a lifetime/ For sun to sink its teeth into (A volte sono come un fantasma/ Che passa attraverso e attraverso/ E per tutto il giorno mi sono costruita una vita/ Solo perché il sole vi potesse affondare i suoi denti)”. Anche l’idea d’amore che ne traspare non è delle più rosee. È un’ossessione che si coltiva per restare vivi e che, allo stesso tempo, impedisce di esserlo fino in fondo, come raccontano i primi due versi: “I kept my love alive for you/ I kept my legs shut tight for you (Ho tenuto in vita il mio amore per te/ Ho tenuto le gambe ben chiuse per te)”. Insomma, il sentimento amoroso è vita ma, quando non si realizza fino in fondo, induce a una chiusura tombale verso il resto del mondo. E la sua grandezza sembra stare, più che nella felicità che cagiona, nella possibilità di scaricare il proprio fardello su chi ci sta vicino: “You took the pain away/ You put it in your skin (Hai estirpato il dolore/ L’hai messo sotto la tua pelle)”. Struggente e per niente stucchevole. Canta un sentimento che sa impossibile e comunque ineluttabile.

Una canzone adatta per godersi, nella gelida solitudine invernale, il massacrante piacere di una storia finita che lascerà ferite inguaribili. Ascoltatela qui.

Matteo Fais