In superficie. “Uno nasce, e poi muore. Il resto sono chiacchiere”: una mostra (con catalogo) sul grande Altan

Posted on Novembre 25, 2019, 11:13 am
2 mins

Tutto Altan…o quasi, in una copertina. È quella del catalogo ufficiale della mostra dedicato al papà della Pimpa a cura di Anne Palopoli e Luca Raffaelli, visitabile al MAXXI fino al 12 gennaio 2020.

Un collage di personaggi cult usciti dalla matita dell’autore satirico trevigiano nel corso della sua lunga carriera, dalla cagnolina a pois che debuttò nel 1975 nel Corriere dei Piccoli, a Trino, il creatore del mondo per nulla onnipotente protagonista delle strisce stampate su Linus; dal metalmeccanico Cipputi (che con le sue sagaci esternazioni ha spiegato l’Italia meglio di cento libri di sociologia) alla donnina seminuda, filosofa a suo modo, fino all’uomo in poltrona e Cristoforo Colombo, mitico protagonista di una lunga storia a fumetti strutturata in dodici capitoli, più un prologo a colori, uscita su Linus a partire dal 1976.

Una copertina bianca, proprio come le sue vignette, quelle che da anni accompagnano la lettura de l’Espresso o de la Repubblica, e un formato maneggevole, pensato ad hoc per essere distribuito anche in edicola.

Buona la scelta del titolo bicolore – Pimpa, Cipputi (in rosso) e altri pensatori (in nero) – per dare graficamente più brio alla ‘foto di gruppo’ delle creature di Altan. La cui firma svetta nel suo inconfondibile stampatello sghembo proprio in cima al piatto di copertina.

Vedere tutto il manipolo di personaggi assiepati entro una cornice ma sprovvisti di battute provoca uno strano effetto, tanto siamo abituati alle parole fulminanti di Altan come fossero parte integrante dei suoi disegni.

A compensare l’effetto-apnea, dentro il volume, il lettore ne troverà parecchie, e ciascuno avrà certamente la sua preferita.

Persino il nostro Altan Nazionale: «Uno nasce, e poi muore. Il resto sono chiacchiere».

Elena Paparelli