“Ma io non so morire”. L’ingiustificato oblio di Massimo Ferretti, un grande poeta senza padrini e senza patria

Massimo Ferretti (Chiaravalle 1935-Roma 1974) è stato uno scrittore laterale e lo rimane anche oggi, tanto che sulla sua opera è caduto un incredibile oblio,
Pangea on Libri / 14, Nov / 0

Chi era davvero James Le Mesurier, uno dei fondatori dei Caschi bianchi trovato morto in Turchia? Storia di servizi segreti, depistaggi ed esportazione della democrazia in Medio Oriente

Antefatto. Ho girato tutto un paese costruito attorno a un ponte. Ho aspettato un incontro. Per noia sono entrato in una biblioteca dove c’erano le
Pangea on Cultura generale / 14, Nov / 0

“Di che fedeltà parliamo, quella a noi stessi o all’altra persona? Esiste poi davvero un colpevole?”. Il romanzo di Sally Rooney ci costringe a essere meno ipocriti, entra come una lama dentro l’illusione della coppia perfetta

Se volete leggere un romanzo che entri nel vivo della fedeltà, che si insinui nelle coppie perfette e nei rapporti amicali un po’ particolari allora
Pangea on Libri / 14, Nov / 0

L'ammazzacaffè

Il Cannibale

Clizia

“Ma io non so morire”. L’ingiustificato oblio di Massimo Ferretti, un grande poeta senza padrini e senza patria
Chi era davvero James Le Mesurier, uno dei fondatori dei Caschi bianchi trovato morto in Turchia? Storia di servizi segreti, depistaggi ed esportazione della democrazia in Medio Oriente
“Di che fedeltà parliamo, quella a noi stessi o all’altra persona? Esiste poi davvero un colpevole?”. Il romanzo di Sally Rooney ci costringe a essere meno ipocriti, entra come una lama dentro l’illusione della coppia perfetta
“Siamo anche esseri splendidi. Siamo dentro un’avventura che a me sembra vertiginosa”: dialogo con Mariangela Gualtieri
“Che cos’è il tuo amore?”. Da uno scambio tra Elisabetta Fadini e Franz Krauspenhaar, un dialogo lirico a più voci sull’indicibile
E se l’Ilva di Taranto diventasse patrimonio Unesco? La storia – straordinaria e inquietante – del Villaggio industriale Crespi d’Adda
“Vale la pena, sempre e di nuovo, ritrovare quella radura in cui la parola dell’essere risuona, in cui la parola crea e ordina il mondo”: dialogo con Davide Susanetti su “Luce delle muse”
“M’inoltro, meravigliato, nei suoi libri…”. Mircea Eliade candidò al Nobel Piero Scanziani. Dialogo con la moglie di uno scrittore di genio, da riscoprire
“Rosa, contraddizione pura”: dai Rosacroce a Rilke, dall’Isola delle Rose alla “Wars of the Roses”, un fiore riassume la storia dell’uomo, le sue ambizioni
La Grande Civiltà delle “fake news”: dal Prete Gianni ai Protocolli dei Savi di Sion, le bufale che hanno fatto la storia
Io Natalia Ginzburg non la sopporto. Eppure, continuo a leggerla, perché come ammazza gli uomini lei, su carta, come gli spara e li odia, nessuna mai…
“Sopra il suo torace da titano c’erano le opere di Freud”. Esce una nuova biografia di Marlon Brando, l’incommensurabile. Mitologica l’intervista di Truman Capote
“Tra i filosofi contemporanei che fanno notizia, come Cacciari, Vattimo, Severino, Remo Bodei era forse il meno ripetitivo, il più problematico e, comunque, quello che scriveva di gran lunga meglio”. Un ricordo
Afferrare la bellezza è lavoro. “La sottovita” di Francesco Savio, libraio, scrittore, trequartista. Un pensiero di Vincenzo Gambardella
“Bisogna scegliere il programma per il pubblico, non solo per se stessi”. Altro che Chiara Ferragni! Francesco Consiglio intervista Christian Salerno, co-fondatore di “Pianosolo.it”, per il popolo degli aspiranti pianisti, un influencer da 20 milioni di visualizzazioni
“La mia esistenza è antipoetica e scrivo in pausa pranzo”: Viviana Viviani presenta la sua raccolta di poesie a Matteo Fais
“Va oltre ogni comprensibile misura”: sulla poesia di Michelangelo, uno che scrive azzannando
“Il Compasso e il Martello proclamano che l’autentico sogno massonico è giunto”: Iosif Brodskij spiega (con una poesia) il Muro di Berlino
Come si avvicinano gli studenti ai “testi sacri”? Bisogna scendere dalla cattedra e andare a teatro. Sulla “Madre Courage” di Brecht secondo Maria Paiato
Per capire T. E. Lawrence bisogna leggere i “Dispacci segreti”. Vita contraddittoria di un uomo misterioso
“Attraverso stretti sentieri di montagna noti solo ai cacciatori di farfalle e ai poeti vagabondi”: intervista a Vladimir Nabokov
“Andai a cena con Ettore Scola. Quel nome altisonante mi paralizzava. Scoprii un uomo che amava gli uomini, li riteneva importanti e preziosi, tutti, fino all’ultimo”. Recensione di un libro in forma di stupore
“La mia esperienza personale con l’alcolismo appartiene al mito, alla leggenda nera dello scrittore, come quelle di Dylan Thomas, Poe, Malcolm Lowry…”: Abelardo Castillo su letteratura & droga
“Ma tu hai stupende, benedette le mani”: Giaime Pintor compie 100 anni. Elogio del traduttore di Rilke e di Trakl (e feroce lettore di Jünger)
“La natura della politica è tragica. Per capire dove va il mondo bisogna conoscere i movimenti esoterici, la Teosofia, la Massoneria, la Kabbala. E leggere Henry Corbin”
“Non amo comandare, non mi prendo sul serio, disprezzo i narcisisti, adoro Gaber, la politica mi sta sui cogl@@@@ e resto sempre un disgraziato di provincia”: Vittorio Feltri si confessa a Matteo Fais
“Chi può misurare fino in fondo l’inabissarsi dell’anima?”: su Robert Lowell (così bravo che ce lo siamo dimenticati…)
Sono stato insieme a Marguerite Yourcenar in un borgo prossimo a Urbino, a liberare una misteriosa Santa dallo scrigno di vetro che la imprigiona da 1700 anni
“Viviamo in una società che disprezza il sapere, il suffragio universale è un lusso che non possiamo più permetterci”: dialogo con Paolo Ercolani
“Ho come un’ombra nell’angolo di un occhio”: a vent’anni dall’esordio di Annalisa Teodorani, poetessa in dialetto, nella tradizione di Baldini, Pedretti, Guerra
“Ho incontrato Rimbaud e Raffaello a Roma, in questa stagione di collere”. Su Leonardo Sinisgalli
“Le stroncature servono al lettore. E divertono. La rissa piace”. Giorgio Manganelli sul “genere” più dileggiato del giornalismo
< >