“Vivevo quello che mi raccontavano i libri, quella fu la mia vita segreta, invisibile”. Incontro fatale con Sylvia Iparraguirre (e brandelli del suo romanzo su Munch)

Giugno 2019. Via Ottaviano. Roma. Incontro Sylvia Iparraguirre di cui avevo avuto modo di leggere e tradurre alcune sue belle interviste per Pangea. Viene da
Pangea on Letteratura / 24, Ago / 0

Che cosa rimane di quello scapestrato dai capelli ricci e rossi? Viaggio a Zacinto sulle tracce di Ugo Foscolo

Cosa rimane di quel giovane scapestrato dai capelli ricci e rossi al largo del mar Ionio? È il 1793. Niccolò Ugo Foscolo ha solo quindici
Pangea on Cultura generale / 24, Ago / 0

L’opera di Francis Scott Fitzgerald? Un infinto atto d’amore per capire Zelda, per conquistarla, per penetrare nella sua follia

Che F. Scott Fitzgerald e l’Italia fosse una scusa per parlare d’altro, credo sia stato evidente a chiunque si sia trovato tra le mani questo
Pangea on Letteratura / 23, Ago / 0

L'ammazzacaffè

Il Cannibale

Clizia

“Vivevo quello che mi raccontavano i libri, quella fu la mia vita segreta, invisibile”. Incontro fatale con Sylvia Iparraguirre (e brandelli del suo romanzo su Munch)
Che cosa rimane di quello scapestrato dai capelli ricci e rossi? Viaggio a Zacinto sulle tracce di Ugo Foscolo
“Vorrei distruggere tutto ciò che ho scritto e ritirarmi sull’isola deserta con un’enciclopedia”: Borges compie 120 anni! Auguri con inedito
“Senza il cristianesimo sei un mollusco, papa Francesco è aria fritta, Van Gogh è un Messia, Pasolini lo detesto”: Guido Ceronetti come non l’avete mai sentito
L’opera di Francis Scott Fitzgerald? Un infinto atto d’amore per capire Zelda, per conquistarla, per penetrare nella sua follia
“Scrivere… perché è l’ultima possibilità”: Sergio Quinzio, un salutare K.O.
“David Bowie era l’Arcangelo Gabriele, ha mollato il Buddha per me… Sì, li ho incantati tutti, li ho condotti sul sentiero della follia”. Lindsay Kemp, un anno dopo
“La sola cosa da capire è che non c’è niente da capire, che si muore come si nasce, per caso”: discorso sul talento di Philippe Forest
“Questo è un libro che apre porte di sgabuzzini e soffitte chiuse da tempo, sposta gli oggetti, libera le stanze dalla polvere”: su “Addio fantasmi” di Nadia Terranova
Ma l’“Antologia di Spoon River” è un libro così importante? (In memoria di Edgar Lee Masters e di Fernanda Pivano)
“I giovani, oggi, sono perduti: dovrebbero leggere De Amicis”: Henry Miller andava pazzo per “Cuore”, la risposta ai mali dell’Occidente…
“Nella vita cosa c’è di più emozionante di un incontro fatale?”. Su “Il segreto di Marie-Belle”, un noir dall’anima tenera e spietata. Elogio di Silvio Raffo come romanziere
“La parità sarà raggiunta quando copertine così non saranno nemmeno più immaginabili”. Ecco perché la scelta di “D” di sbattere le scrittrici in prima pagina è sbagliata
“Amate l’orrendo”. Riscopriamo Mina Loy: fece impazzire Marinetti e Pound, fu poetessa, femminista, anarchica
“Io non so nulla, se non che voglio meticolosamente farmi a pezzi”: Charles Bukowski è ancora un problema per perbenisti e cronachisti in tutù. (Sul nuovo libro in stato di ebbrezza)
“Morto già di mille morti”: saggio sulla solitudine di Franz Kafka
“Dario Bellezza ha salvato una generazione di poeti e la sua poesia è la più grande riflessione politica sull’Italia postdemocratica”: dialogo con Arnaldo Colasanti
“Ho coraggio a sufficienza per rendermi indipendente da altri critici e maestri, e di percorrere la mia strada”. L’editoriale oggi lo scrive Friedrich Hölderlin. Una lettera a Schiller
“La politica è legata a impressioni e sentimenti, l’UE è uno straordinario caso di incapacità, l’uomo sarà sempre più inutile: avremo popolazioni di zombie”. Intervista estrema a Marco Giaconi Alonzi
Ma chi li legge davvero i bestseller? Nessuno, neanche gli editor (altrimenti qualcuno si accorgerebbe di quel cumulo di banalità). Tanto, per vendere, basta la pubblicità
L’estate in cui Cosimo I Granduca di Tosacana volle costruire la Gerusalemme Celeste su un sasso (e il sasso si ribellò)
“Sei redento perché hai ceduto al tuo limite. Lo so che non basta. Ora vuoi diventare beato, perché oltre che puro e folle, sei poeta”: il romanzo a puntate di Giorgio Anelli, “Mirabilia Dei”
“Fedeli al pensiero unico, abbiamo abdicato da secoli alle sirene e ai mostri marini”: Ilaria Cerioli ci racconta il suo viaggio a Peschici, tra vecchi immortali e i Suatt, musicisti di genio che costruiscono gli strumenti con l’asse delle lavandaie e il clistere
“Non basta criticare Salvini e fare i finti umanitari per essere scrittori. Con me cascate male, io vi riderò in faccia, a voi e alle vostre bandiere, alle vostre canzoni patetiche, rivoluzionari del davanzale, indignati da social, militanti di teglie di pasta al forno”: Veronica Tomassini in uno sfogo senza reticenze con Matteo Fais
“Lui non è nostro, è un artificio, è il fratello del labirinto”: Cortázar prende il Minotauro per le corna
Gita ad Acquacheta, il fiume infernale di Dante. Con la “Commedia” a farci da bussola
L’estate violenta degli Stones: droga, gelosia, caldo ipnotico, donne stregate (e la chitarra di Eric Clapton) a Villa Nellcôte, Costa Azzurra
Italo Calvino, o del terrore. Riscriviamo le “Lezioni americane”: da Rettitudine (al posto di Leggerezza) ad Autenticità
“È proprio dell’amore cancellare tutto ciò che lo precede, e accamparsi come unica realtà”. Oggi è il giorno di Henry Furst, scrittore, traduttore, ministro di d’Annunzio a Fiume
Viviana Viviani, una scrittrice naïf che racconta il nostro tempo tra ipertestualità e realismo terminale
Woodstock, o del tradimento. In fondo, fu solo un concerto. 50 anni di vane speranze e di illusioni perdute
“L’affascinante visione dei nostri infiniti destini”. Il libro dell’estate: “Meditazioni sullo scorpione” di Sergio Solmi, un salutare veleno
< >